I conti della legge di stabilità indicano che il governo dovrà intervenire riguardo al tema delle detrazioni fiscali, in assenza di ciò a partire dal 30 gennaio 2014 ci sarà un abbassamento di un punto percentuale sulle detrazione degli interessi passivi, ovvero dal 19% si passerà al 18%.

Il numero di italiani che richiedono la detrazione degli interessi passivi nella dichiarazione dei redditi è di circa 4 milioni, per mutui riguardanti spese di costruzione, spese di acquisto e spese di ristrutturazione. Le soglie massime di detrazione sono 4 mila euro per quanto riguarda l’acquisto e quasi 2600€ negli altri casi.

L’ attuale somma relativa alla detrazione media ammonta a 320 euro, e con l’abbassamento di 1 punto percentuale sulla detrazione si avrebbero 17 euro in meno, con un ulteriore abbassamento equivalente nell’ipotesi formulata che nel 2015 ci sia un ulteriore abbassamento dell’ 1%.