Mutui casa, i fondi dalla Cdp ancora poco impiegati

tasse-imu-ici-prima-casa-immobili-immobiliare-patrimoniale

Nel novembre scorso il governo Letta delibera il cosiddetto Plafond Casa, un provvedimento finalizzato ad aumentare la percentuale di mutui concessi dalle banche ai richiedenti.

Sicuramente un’ ottima notizia l’istituzione di questo fondo a cui sono destinati 2 miliardi di euro, oltre ai 3 già concessi sempre alla Cassa Depositi e Prestiti per obbligazioni concernenti ai mutui prima casa.

Peccato però che il fondo sia operativo solo da 7 gennaio e che le banche che hanno aderito (ben 21) nella maggior parte dei casi non presentino ancora questa opportunità, a parte BCC di Riano, Credito Valtellinese, Banca Sella e Cassa di Risparmio di Ravenna.

Eppure le banche che stanno già offrendo il prodotto hanno dato un feedback positivo, grazie a un risparmio finale del cliente dell’ 1% sul Taeg e del 1,5% sullo spread bancario.

Il mutuo è richiedibile sia per gli acquisti di casa non da ristrutturare, con budget massimo di 250.000 € per mutuo, sia per ristrutturazioni con miglioramento di indice energetico, con massimale di 350.000 €.

La durata massima del mutuo è di 30 anni, ovviamente con possibilità di scegliere intervalli minori nel caso ve ne sia l’opportunità.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*