Cosa si intende per rinegoziazione del Mutuo?

Con quest’azione si intende la richiesta fatta, da un cliente di una Banca, di poter cambiare alcune condizioni del contratto di Mutuo, presso la stessa Banca, dove è in essere il Mutuo.

Cosa può cambiare nel nuovo contratto?

La durata residuale del rimborso,  il tasso applicato, e  il tutto a costo zero. Le rate mensili possono cioè, diventare più basse, perché ne allunghiamo la durata totale. Può mutare anche lo spread, cioè la maggiorazione applicata al tasso Euribor o all’Irs.

Cosa non cambia nel nuovo contratto di mutuo?

Le garanzie prestate restano inalterate, i mutuatari sono gli stessi e l’ipoteca sull’immobile resta la stessa.

Questo tipo di operazione non richiede la presenza di un notaio ed avviene presso la propria Banca, presso la quale è in essere il precedente contratto di Mutuo, attraverso una scrittura privata.

La Convenzione tra l’ABI e il Ministero dell’Economia e delle Finanze stabilisce che, le banche che hanno aderito, devono rendersi disponibili a rinegoziare i mutui .

In sostanza tutti i mutui stipulati precedentemente al maggio del 2008 e destinati all’acquisto, alla  costruzione e alla ristrutturazione della prima casa devono essere

.